18 settembre 2014

Ciclabile San Candido Lienz


Confesso di averne sentito parlare molto ma di non conoscere ancora questo itinerario. 
Ospite del blog Dafne Lucchese una giovane travel blogger con la passione per la fotografia e per i viaggi. Ricevo e pubblico sperando di ripercorrerla prima che scenda la neve.

Da qualche anno, io ed il mio compagno ci siamo avvicinati ad un nuovo sport a livello amatoriale: il ciclismo. Nei fine settimana cerchiamo sempre di allontanarci dalla caotica città in cui viviamo, il tutto ovviamente in compagnia della nostra amata mountain bike.
Durante un week end lungo di agosto, abbiamo organizzato una mini vacanza in Trentino-Alto Adige.Abbiamo scelto questa meta per un motivo ben preciso, percorrere i 42 chilometri della pista ciclabile San Candido – Lienz (Austria). Di primo impatto, quando ho visto la lunghezza del percorso mi era venuto quasi un colpo, ma poi leggendo com’è strutturata la ciclabile, cioè in lieve discesa (all’andata), mi è tornato il sorriso. Il nostro obbiettivo era questo: raggiungere San Candido, percorrere la ciclabile e rimanere un giorno e mezzo a Lienz.
Partenza sabato mattina, in circa 3 ore raggiungiamo San Candido. Non ero mai stata in questo paesino in provincia di Bolzano, davvero molto bello per una vacanza in tutta libertà.
Lasciamo la macchina nel parcheggio gratuito della stazione ferroviaria, scarichiamo le nostre mountain bike, zaini in spalla e via! :-)
La pista ciclabile per eccellenza della provincia di Bolzano parte dalla Piazza Magistrat, nel centro di San Candido. Come ho detto precedentemente, il percorso è in lieve discesa, adatto quindi anche per bambini o persone anziane,e a chiunque voglia affrontare questa avventura. La durata è di circa tre ore, ma tra varie soste e picnic, per noi è durata un’ora e mezza in più del previsto.
Proseguendo verso est in direzione confine di stato, la pista ciclabile costeggia la ferrovia con vedute mozzafiato sulle Dolomiti di Sesto e sulla Val Pusteria, alcune soste per fotografare questi paesaggi sono d’obbligo! La pedalata continua poi costeggiando Prato alla Drava, l’ultimo paesino italiano prima del confine... ed ecco fatto, in pochissimo tempo siamo già in territorio austriaco. Il confine non è segnalato da nessun cartello, ma si raggiunge immediatamente il primo paese austriaco: Sillian, il quale viene dominato tutt’oggi dal magnifico castello Heinfels. Decidiamo di ammirarlo solo da lontano, e continuare verso la prossima meta, ovvero: la fabbrica della Loacker! :-)
Una volta giunti alla fabbrica, decidiamo di visitare la struttura. Esatto, avete capito bene... è possibile visitare l’intero edificio, e vedere le materie prime con cui sono fatti questi squisiti dolci e ripercorrere la storia dell’azienda. Il costo d’ingresso è di 5 euro per gli adulti e di 2,50 euro per i bambini.
Dopo questa tappa a dir poco golosa, siamo pronti a risalire in sella per continuare il nostro percorso immerso nel verde. Questi panorami, quasi fiabeschi, suscitano emozioni davvero indescrivibili; vedere tutte quelle perfette abitazioni austriache...vorrei non tornare più a casa! :-)
Durante la ciclabile San Candido – Lienz raggiungiamo le cascate della gola Galizia, un luogo incantato che consiglio a tutti voi. Il costo d’ingresso è pari a 4,50 euro e attraverso un piccolo percorso fra natura e relax, si posso ammirare fantastiche cascate mozzafiato e percorrere un simpatico parco avventura.
Lienz è ormai alle porte! Seguiamo sempre le indicazioni della pista ciclabile ed finalmente arriviamo in città. :-)
Avendo percorso tutta la ciclabile con le nostre biciclette, per il pernottamento a Lienz abbiamo quindi scelto un hotel che disponesse di deposito bici. La nostra scelta è caduta su un albergo centrale di Lienz, l’Hotel Sonne.
Una volta fatto il check-in in albergo ed aver fatto un bel bagno caldo, siamo usciti a passeggiare per il centro di Lienz, davvero splendido e ricco di punti d’interesse.
Il mattino seguente, abbiamo intrapreso il percorso inverso: Lienz - San Candido. Ora ci aspetta una leggera salita purtroppo... a metà percorso ero infatti davvero molto stanca, ma con un po’ di forza di volontà in circa 4 ore e mezza abbiamo raggiunto la nostra macchina che avevamo lasciato al parcheggio della stazione ferroviaria di San Candido.
Questa escursione mi è piaciuta davvero moltissimo e la consiglio a tutti, anche alle persone che non praticano questo sport in modo intensivo. Durante l’estate, la pista ciclabile poi è davvero molto frequentata da allegre famigliole o da ciclisti professionisti, tutti insieme per condividere questa fantastica esperienza.









maria saal

Cavalcata al trotto di pochi giorni tra Slovenia Austria e Italia.
Bici Ciclabili e Birra il mezzo la nostra terra e la nostra benzina.
Quanta altra voglia di osservare rimane in noi alla fine di ogni giro
qui altre foto

Trail of Pioneers

Trail of Pioneers 
è un inno all'amicizia Grazie Pippo e grazie Lobos!!!

Izoard

Francia 2014 
una delle piu' belle pagine del ciclismo italiano..
allez ciclisti!!!

TourdeFrance2014

15 luglio 2014

stelvio

"Se io avessi un mondo come piace a me, là tutto sarebbe assurdo: niente sarebbe com'è, perché tutto sarebbe come non è, e viceversa! Ciò che è, non sarebbe e ciò che non è, sarebbe!" Alice

Un grazie immenso a Pigi della Stazione delle Biciclette che ci ha segnalato un evento così giusto!! A Ronald che ha creato un evento così unico e scelto di sostenere Soccorsoclown e a tutti i ciclisti con il naso rosso sulla via dei sogni..





qui altre fantastiche foto di Guido Rubino 

15 giugno 2014

ciclomundi 15 Giugno 2014

potra' essere un emozione, uno stimolo una piacevole chiacchierata tutto cio' che voi vorrete vedere sentire ed ascoltare..
Vi aspettiamo domani a Ciclomundi ore 15.00 Municipio, Sala Consiliare Portogruaro – Sezione I Viaggiatori, “Alaska, il grande sogno bianco. 1800 km in bicicletta”
Incontro con Sebastiano Favaro e Ausilia Vistarini .
Coordina Alberto Fiorin.


Vogalonga 2014

quest'anno non ho vogato alla veneta cercando l'equilibrio appoggiando il remo nella forcola e spingendo di gambe come i molti veneti che si sforzano di mantenere la tradizione.
2100 imbarcazioni e circa 8000 persone per la quarantesima edizione della Vogalonga
un fascino continuo tra calli campanili e colpi di remo, io a pelo d'acqua che attraverso la laguna nord di Venezia stupito come un bambino. Ho vissuto un raro momento libero dal moto ondoso incontrollato nella la citta' piu' bella del mondo.
Onorato di aver contribuito ad un gesto d'amore.
Il prossimo sara' di tornarci vogando alla veneta!!
Grandi gli amici del Pedale Veneziano che con due caorline mantengono viva la tradizione dei ciclisti di laguna!!!!




















giro d'italia 2014


Tappa 15 Plan di Montecampione
Tappa 19 Cima Grappa
Tappa 20 Sella Rioda

14 giugno 2014

la grande differenza

Ci sono persone che parlano semplicemente perche' pensano alle proprie azioni e ai risultati che ne derivano. La fiducia puo' sconvolgere la nostra vita.
Grazie di cuore Andrea Barzan per avermi voluto accanto a Sebastiano Zanolli 



13 maggio 2014

Franza curta

Franciacorta bollicine e un intrigo di strade e sentieri a misura di ciclista.
Grazie a Marco Berni alla Silvana e a tutti gli amici bresciani
altre foto qui

10 maggio 2014

In bici oltre i confini Pavia

Grazie Silvia e grazie Amedeo 
piacevolissimo incontro tra amici con molta voglia di muovere il mondo..
Sebastiano

L'associazione uomo e territorio tutela e riscopre un area naturale nel Parco del Ticino tra cultura storia e natura  La via dei Cairoli

Tuscany Trail

Andrea esemplare,
Ausilia tenace
i lobos i migliori amici
..e' come se avessi pedalato con voi

qui le foto

Radi 
San Nicola Capalbio
la Crisp di Ausilia

02 maggio 2014

Randonnè Portogruaro 1 Maggio

Pedalo e avanzo su strade nuove ricche di verde e di sapori..
In sette del Pedale Veneziano esorcizziamo le salite e la fatica del vento scherzando ridendo e condividendo km dopo km. Uscita riuscitissima. Grazie ad Alberto, Mario, Massimo, Gianni, Romeo, Nico
Sebastiano
le foto e qui le news di Alberto F. sulla splendida giornata
il Tagliamento tra Pinzano e Ragogna
Controllo di Campone sp57 verso Clauzetto